Alessandra Terzaghi – Pharmastar.it 10 luglio 2018

..

Il trattamento con luspatercept ha permesso di ottenere un miglioramento statisticamente significativo della risposta eritroide in pazienti con beta-talassemia trasfusione-dipendente, nello studio BELIEVE. Lo annunciano in una nota Acceleron e Celgene, le due aziende che stanno sviluppando il farmaco.

BELIEVE è uno studio multicentrico di fase III, randomizzato, controllato e in doppio cieco, il cui endpoint primario era appunto la risposta eritroide, definita come una riduzione di almeno del 33% rispetto al basale nel bisogno di trasfusioni di globuli rossi, con una riduzione di almeno due unità durante 12 settimane consecutive, dalla settimana 13 alla settimana 24, rispetto al placebo.

Luspatercept è il capostipite della classe degli agenti stimolanti la maturazione eritroide (EMA). Il farmaco è una forma modificata del recettore dell’activina di tipo IIB, una proteina che riveste un ruolo fondamentale nel processo di formazione di nuovi globuli rossi (eritropoiesi). Luspatercept agisce intrappolando i ligandi dell’activina e del recettore del TGF-beta e bloccando, in tal modo, la trasduzione dei segnali TGF-mediati e activina-mediati. In questo modo, contribuisce al ripristino della maturazione delle cellule ematopoietiche e alla produzione dei globuli rossi.

Lo studio BELIEVE ha valutato l’efficacia e la sicurezza di luspatercept rispetto al placebo, in entrambi i casi in aggiunta alla migliore terapia di supporto disponibile, in pazienti adulti con beta-talassemia dipendente dalle trasfusioni.

Oltre a centrare il bersaglio dell’endpoint primario dello studio, luspatercept ha anche raggiunto tutti i principali endpoint secondari: un miglioramento statisticamente significativo del bisogno trasfusionale dei globuli rossi rispetto al basale con una riduzione almeno del 33% durante il periodo dalla 37a alla 48a settimana, una riduzione almeno del 50% nel periodo dalla settimana 13 alla settimana 24, almeno una riduzione del 50% durante il periodo dalla settimana 37 alla settimana 48 e una variazione media del bisogno trasfusionale dalla settimana 13 alla settimana 24.

Gli eventi avversi osservati nello studio sono risultati generalmente coerenti con i dati già riportati in precedenza sul profilo di sicurezza e tollerabilità di luspatercept.

Jay Backstrom, direttore medico di Celgene, ha dichiarato: “Per decenni, la gestione della beta-talassemia negli adulti è stata limitata alle trasfusioni e alla chelazione del ferro. La riduzione del fabbisogno trasfusionale rappresenta un importante passo avanti per i pazienti affetti da questa malattia del sangue rara e debilitante”.

“Lo studio BELIEVE è il secondo studio positivo di fase III su luspatercept a evidenziare le potenzialità di questo agente stimolante la maturazione eritroide di impattare su una serie di malattie associate all’anemia cronica” ha dichiarato Habib Dable, presidente e amministratore delegato di Acceleron, aggiungendo che le due aziende continuano a studiare luspatercept nell’ambito di un ampio programma di sviluppo, che comprende, tra gli altri, lo studio BEYOND, attualmente in corso, su pazienti affetti da beta-talassemia non trasfusione-dipendente”.

Celgene e Acceleron hanno annunciato di recente che luspatercept ha centrato l’endpoint primario e gli endpoint secondari chiave nello studio MEDALIST, uno studio multicentrico di fase III randomizzato e in doppio cieco, che ha valutato l’efficacia e la sicurezza di luspatercept rispetto a un placebo nei pazienti con a rischio molto basso, basso o intermedio secondo l’IPSS-R, con anemia cronica e refrattari, intolleranti o non idonei al trattamento con un agente stimolante l’eritropoietina (ESA), con sideroblasti ad anello e bisognosi di frequenti trasfusioni di globuli rossi.

I dati degli studi BELIEVE e MEDALIST saranno presentati in uno dei prossimi congressi nel 2018 e Acceleron e Celgene hanno fatto sapere di voler inoltrare la domanda di approvazione del farmaco per le due patologie – beta-talassemia trasfusione dipendente e sindrome mielodisplastica – negli Stati Uniti e in Europa nella prima metà del 2019.

Al momento luspatercept non è approvato per nessuna indicazione in nessuna area geografica.

 

Agosto 2018

Pin It on Pinterest

Shares
Share This